Salento Flash

“Borgoinfesta è…condividi il tuo ricordo di Bif”: gli artisti omaggiano virtualmente il festival eco-culturale

 Breaking News
“Borgoinfesta è…condividi il tuo ricordo di Bif”: gli artisti omaggiano virtualmente il festival eco-culturale
giugno 02
10:26 2020

In questi giorni la piccola e operosa comunità di Borgagne, frazione di Melendugno e Borgo Autentico d’Italia, si sarebbe accesa di musica, colori, magia, solidarietà, integrazione, condivisione all’insegna di quei valori che per ben sedici anni hanno caratterizzato il festival eco-culturale organizzato dall’APS ‘Ngracalati. Ormai conosciutissimo, Borgoinfesta è diventato l’evento apripista dell’estate salentina. Non un evento di massa, bensì una tre giorni che contempla piccoli eventi nell’evento in grado di spaziare dall’arte alla musica, dalla gastronomia all’agricoltura, dalle grida di una terra spesso dimenticata alla speranza per un futuro ancora sostenibile, raccontato in più linguaggi, anche col cinema o col racconto.

Quest’anno anche Borgoinfesta ha dovuto fare un passo indietro, così come tanti altri festival, per cause di forza maggiore. Arrestato dalla pandemia, però, il festival continua a far parlare di sé attraverso i ricordi che in questi giorni vengono condivisi sui canali social dai tanti artisti che negli anni hanno dato il loro contributo. Proprio così: può saltare un’edizione, ma i valori che ruotano attorno al festival che possiamo definire “eco-socio-culturale” sono ben saldi proprio come tutte quelle persone che hanno contribuito a farlo crescere e arrivare al suo 16esimo anno. Ecco perché, in attesa della prossima edizione 2021, l’organizzazione di Bif ha chiesto un video ricordo di Bif. Può essere un canto, un aneddoto, una melodia, qualunque cosa che per ciascuno rappresenti questa festa.

Questa sarebbe stata la Notte delle 100 chitarre, una notte di emozioni vibranti, attesa dai più: l’immagine delle chitarre condotte da Luca Morino per il paese al suono forte e chiaro della canzone scritta dal cantautore per la comunità fino ad arrivare in piazza e stringersi intorno a lui, sentirsi uniti in una voce; poi la Unzap Zap Bif Band diretta dal Maestro Luigi Morleo che porta con sé la voce e i suoni del mondo agricolo attraverso un’orchestra strumentale composta dalla gente del paese; senza dimenticare tutti i grandi artisti come Roberto Licci, Nicola Briuolo, Gianni Amati, Anna Cinzia Villani, Stefania Morciano, Lucilla Galezzi e tanti tanti altri ancora che hanno reso ogni edizione sempre più speciale. Quest’anno le loro voci saranno raccolte così, in modo virtuale, sui canali social di Borgoinfesta e Ngracalati, ma il prossimo anno sono tutti pronti a far risuonare e vibrare la piazza, a cantare, suonare, parlare, esprimere con ogni linguaggio i valori di Borgoinfesta, da sempre finestra sui mondi intrecciata alla terra.

Related Articles