Salento Flash

La Fòcara è pronta: il 16 gennaio la spettacolare accensione

 Breaking News
La Fòcara è pronta: il 16 gennaio la spettacolare accensione
gennaio 15
01:45 2020

22 metri di altezza e più di quattro milioni di tralci di vite utilizzati per erigere il più grande falò che si conosca in tutto il bacino del Mediterraneo. È la Fòcara di Novoli che sarà incendiata la sera del 16 gennaio 2020, come da tradizione secolare, e terrà migliaia di devoti e semplici curiosi col naso all’insù, sfidando il freddo per assistere, impazienti, all’evento più atteso dell’inverno.

La Fòcara è lì, puntuale all’appuntamento di ogni anno, protagonista non solo per una notte. Sono state necessarie più di 50 mila fascine per realizzarla. E mesi di duro lavoro di uomini e donne del Comitato Festa e della Pro Loco, non solo sul terrapieno antistante Piazza Tito Schipa, ma pure nei campi.

Nella mattinata di martedì 14 è stata issata in cima alla Fòcara una particolare installazione: tre cerchi concentrici in un ideale abbraccio ad un tronco di ulivo secco tra tanti ramoscelli verdi.

A conclusione del faticoso lavoro di costruzione guidato dai costruttori Renato De Luca e Claudio De Blasi, nel pomeriggio del 15 gennaio, alle ore 17, sarà accesa una scenografia luminosa per illuminare il grande monumento eretto in onore e a devozione di Sant’Antonio Abate, patrono e protettore di Novoli.

Al termine, poco prima della celebrazione vespertina della Novena, i membri del Comitato e quanti hanno collaborato alla costruzione del grande falò, si recheranno presso l’altare del Signore, ai piedi del Simulacro del Santo della Tebaide, per deporre un fascio di tralci e rendere grazie a Dio ed al Patrono per le grazie elargite affinché tutto fosse portato serenamente a compimento.

“Grazie a tutti coloro che si sono impegnati per la realizzazione – ha commentato il presidente Fernando D’Agostino -. Come ogni anno non sono mancate le difficoltà, ma la passione dei novolesi e la devozione è più forte di qualsiasi ostacolo. Vi aspettiamo a Novoli per condividere insieme il fuoco buono, l’auspicio migliore per la nostra Comunità e per tutti gli ospiti”.

Related Articles