Salento Flash

“Verità per Giulio Regeni”: l’Università del Salento aderisce alla campagna lanciata da Amnesty e Repubblica

 Breaking News
  • Stop all’atletica leggera sino al 31 maggio Stop all’attività agonistica dell’atletica leggera sino al 31 maggio su tutto il territorio nazionale. Lo ha deciso venerdì scorso il Consiglio federale in videoconferenza, a causa dell’emergenza Coronavirus che continua...
  • Buoni spesa: pubblicato avviso pubblico per le attività commerciali È stato pubblicato sull’albo pretorio e nella sezione “News” del sito istituzionale del Comune di Lecce l’Avviso pubblico per manifestazioni di interesse riservato alle attività commerciali che intendono esprimere “interesse...
  • CORONAVIRUS: BANDIERE A MEZZ’ASTA IN ONORE AI CADUTI Questa mattina a mezzogiorno, anche le donne e gli uomini della Polizia Locale hanno reso omaggio alle vittime della pandemia da coronavirus osservando un minuto di silenzio davanti alle bandiere...
  • EMERGENZA_DALLA GIUNTA 5 MILA EURO IN BUONI SPESA Neretini ai nastri di partenza di quella che sta diventando una meravigliosa “gara” di solidarietà verso chi ha bisogno in questo momento di estrema difficoltà. A dare un segnale forte...
  • Prime lauree online e licenze Isufi in video conferenza «Si può essere vicini anche se fisicamente distanti, si può festeggiare usando fantasia e creatività. Le prime lauree online aggiungono un altro tassello al racconto dell’impegno della nostra comunità accademica....
marzo 09
11:12 2016

“Verità per Giulio Regeni”: con un banner sul sito ufficiale www.unisalento.it e, da oggi, con uno striscione su Palazzo Codacci-Pisanelli (piazza Angelo Rizzo, Lecce), l’Università del Salento aderisce alla campagna lanciata da Amnesty International Italia e la Repubblica per “non permettere che l’omicidio del giovane ricercatore italiano finisca per essere dimenticato, per essere catalogato tra le tante ‘inchieste in corso’ o peggio, per essere collocato nel passato da una ‘versione ufficiale’ del governo del Cairo”.

«Ci uniamo a una richiesta corale di impegno», sottolinea il Rettore Vincenzo Zara, «perché la verità emerga, accertata in modo indipendente. Lo si deve alla famiglia, agli amici e ai tanti uomini e donne di scienza che da ogni parte del mondo chiedono solidarietà. L’attività scientifica non può essere frenata dall’intimidazione: il diritto-dovere di condurre attività di ricerca in ogni contesto, collaborando fraternamente con tutte le persone di scienza, vuol dire anche impegnarsi con urgenza e sincerità a fare emergere cosa c’è dietro la morte di Giulio Regeni».

 

 

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Only registered users can comment.