Salento Flash

Foresio: “Monosi elude tutte le questioni sollevate. Devono essere revocati tutti gli atti di vendita del patrimonio Erp del centro storico”

 Breaking News
gennaio 05
11:05 2016
“Devo dire che l’assessore Monosi ha ormai una sua tattica per difendersi quando viene colto in fallo: o tace ostinatamente (vedi la vicenda del doppio affitto dell’ufficio tributi, per la quale ancora siamo in attesa di una sua spiegazione, come pure il disastro di Settelacquare) oppure risponde, come in questo caso, senza mai entrare nel merito, eludendo sistematicamente le questioni più spinose e contrattaccando con i soliti insulti personali.
Ma neppure la sfrontatezza più arrogante può negare l’evidenza: nell’elenco dei 174 alloggi autorizzato dalla Regione per la vendita non ci sono gli immobili del centro storico.
Dalla lettura del verbale del Consiglio comunale del 20 luglio scorso, risulta che l’assessore Monosi ha affermato che la vendita degli alloggi del centro storico era stata autorizzata con delibera della Giunta regionale N°2157 del 19 novembre 2013, mentre è proprio quella delibera citata in consiglio dall’assessore a sconfessarlo senza appello.
Monosi è un maestro nel rigirare le frittate, in modo da non affrontare mai di petto le questioni scottanti. Noi solleviamo il problema degli immobili di proprietà del Comune in vendita nel centro storico e lui risponde citando quelli delle Case Magno. Noi denunciamo che le procedure di vendita di quegli immobili sono prive dell’autorizzazione della Regione prevista dalla legge e lui parla del blocco dovuto al contenzioso Leadri. Noi sosteniamo, carte alla mano, che le case del centro storico vengono vendute a non inquilini e, comunque, non a chi possiede i requisiti per acquisire un alloggio di edilizia popolare, secondo le disposizioni di legge, e lui risponde dicendo che la vendita degli alloggi agli occupanti è un punto strategico del programma di questa amministrazione. Ma quando mai? Dirò di più: oltre alla delibera del 20 luglio, a smentire Monosi sono le carte che cantano perché alcune abitazioni del centro storico inserite nel piano delle alienazioni sono già state vendute all’asta, come nel caso dell’immobile in via Giravolte 29, aggiudicato lo scorso 24 novembre, e non certo venduto a qualcuno presente nella graduatoria Erp. Già solo questo contraddice le rassicurazioni dell’assessore secondo cui gli appartamenti saranno destinati a chi vive per strada e attende un alloggio da mesi.
Quindi, non stiamo parlando di immobili che “solo potenzialmente potrebbero essere venduti”, ma di immobili che sono già stati venduti.
Se oggi Monosi si rimangia tutto, per noi va bene, a condizione, però, che si passi dalle parole ai fatti e vengano revocati tutti gli atti che contengono la previsione di vendita degli alloggi Erp del centro storico.
Sappia, inoltre, che gli staremo con il fiato sul collo e che monitoreremo ogni immobile per vedere a chi e a cosa sarà destinato.
Quelli che hanno dimostrato di essere inadeguati a governare questa città non siamo certo noi, che facciamo le battaglie dai banchi dell’opposizione, ma lui e chi governa – male – Lecce da vent’anni. I risultati – pessimi – sono sotto gli occhi di tutti.  I maestri delle promesse sono in stato di agitazione, li abbiamo colti con le mani nella marmellata mentre provavano ancora una volta a danneggiare i cittadini leccesi e la città tutta. Adesso basta”.

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Only registered users can comment.