Salento Flash

Incontro d’informazione pedagogica Steiner‐Waldorf a Cavallino

 Breaking News
settembre 11
13:22 2015

thumbnail_25481L’associazione Salento Waldorf, attiva fin dal 2007 per promuovere e diffondere nel territorio salentino la pedagogia steineriana, presenta a Cavallino un progetto pedagogico per la Città di Lecce, in collaborazione con l’associazione Rinascere al naturale O.N.L.U.S di Lecce. Durante l’incontro, patrocinato dal Comune di Cavallino, verrà illustrato il “metodo steineriano”, creato cioè da Rudolf Steiner, che fondò una prima scuola nel 1919 per gli operai della fabbrica di sigarette Waldorf a Stoccarda, per questo è diffuso nel mondo come “Scuola Waldorf”.

“I tempi della modernità non sono a misura di bambino” sostiene Danilo Sava, presidente di Salento Waldorf. “Soprattutto i bambini piccoli, quelli dai 3 ai 6 anni, sono spesso lo specchio della vita stressata e disordinata di noi adulti, immersi in mille distrazioni tra TV, computer, cellulari.” Recenti studi hanno affermato un sempre maggiore aumento dei disturbi dell’attenzione nella prima infanzia e le famiglie si trovano spesso nella necessità di far fronte a comportamenti irrequieti e agitati dei loro bambini.

Da qui il ricorso a metodi educativi alternativi che ripropongono la centralità del bambino nell’azione pedagogica. Nell’incontro pubblico – ingresso gratuito – vengono presentate le caratteristiche principali della scuola Waldorf. Le scuole materne di ispirazione steineriana sono impostate con semplicità, nella convinzione che al bambino sia sufficiente un ambiente sereno, con stoffe che diventano mantelli, giocattoli fatti a mano e personale docente che non urla per farsi ubbidire.

La giornata dell’asilo Waldorf vede al centro la fiaba, come momento formativo ancestrale, da sempre utilizzato dall’uomo come insegnamento morale attraverso immagini archetipiche: il re, la regina, la principessa, il lupo, la strega, il drago, ecc. In questo modo si aiutano le forze interiori del bambino a muoversi con fantasia favorendo indirettamente anche una sana crescita fisica.

La scuola elementare e media, riunite in un corpo unico dalla prima all’ottava classe, hanno delle forti peculiarità: il maestro unico per tutto il ciclo, l’assenza di voti e di libri di testo, l’insegnamento a periodi, una fortissima interdisciplinarietà.

 

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Only registered users can comment.