Salento Flash

Noto ingegnere leccese si toglie la vita con un colpo di fucile al petto: al suo fianco, la lettera per i figli

 Breaking News
maggio 28
09:56 2015

Un noto ingegnere leccese di 62 anni è stato trovato senza vita nel letto della sua abitazione a Villa Convento.
L’uomo si è tolto la vita sparandosi un colpo di fucile al petto. Accanto al suo corpo, è stata trovata una lettera scritta per i due figli che vivono a Roma e a Firenze.
Sono stati i vicini di casa i primi ad insospettirsi per la lunga assenza dell’uomo che, dopo essere entrato in casa una decina di giorni fa, non era più uscito.
L’ultima volta che era stato visto varcare la soglia della sua abitazione era stato, appunto, il 18 maggio. Da quel momento l’ingegnere non era stato più visto destando la preoccupazione dei vicini che hanno allertato l’Istituto di Vigilanza “De Iaco Security”. I vigilantes, dopo un breve sopralluogo esterno alla casa, vi hanno fatto ingresso rinvenendo il corpo dell’uomo, deceduto già da alcuni giorni e riverso in una pozza di sangue nel suo letto.
La salma è stata trasportata presso la camera mortuaria del “Vito Fazzi” di Lecce a disposizione del p.m. Stefania Mininni.
Sconosciute le cause del tragico gesto.

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Only registered users can comment.