Salento Flash

La Betitaly Maglie si sbarazza del Terracina

 Breaking News
dicembre 14
16:59 2014

Settimana febbricitante in casa Betitaly: l’influenza, infatti, ha bloccato per qualche giorno il lavoro di mister Solombrino e delle giocatrici Mazzulla e Vincenti. Tutto risolto fortunatamente con anche Di Lallo ritornata in formazione dopo l’infortunio alla caviglia. Bisogna stringere i denti, quindi, e affrontare a pieni giri la sfida con Terracina.

La formazione laziale boccheggia in classifica e potrebbe essere una preda ghiotta per portare punti nella cascina rossoblù. Il tecnico magliese sceglie Montenegro, Cesario, Cumino, Lo Cascio, Di Martile e Mazzulla per aprire i giochi. L’avvio è confortante con la solita Lo Cascio che anestetizza il muro ospite e mette a terra. Le ospiti sembrano soffrire l’irruenza magliese e si lasciano staccare sul 4-1. Il Terracina, però, si affida all’orgoglio per risanare il gap, ma Vincenti sfrutta il ricamo della Cumino e affonda in veloce per il 7-5. Il tecnico Pesce capisce che Maglie sta prendendo piede e chiama in panca.

La risposta arriva però dal binomio Cumino-Vincenti: altra veloce e +4 per le rossoblù. Il vantaggio confortante regala sicurezza alle farfalle del presidente Spagna che accendono la giostra: Cesario segue i solfeggi della Cumino, Lo Cascio sfodera classe al servizio e Montenegro si diletta in potenza. Poesia che diventa punteggio: 16-8 e aperitivo di primo set. La pancia piena, però, scarica per qualche minuto la verve magliese e La Rocca prova a infierire fino al 18-13.

Montenegro, però, firma in servizio, Vincenti continua la liaison tecnica con Cumino e Mazzulla chiude i conti: 25-18 e tutti al secondo. Carminati prova a riportare morale alle ospiti e firma l’uno-due che vale il 4-2. Montenegro alza il ritmo, Ginanneschi risponde e Mazzulla prova a non farle scappare. Le romane, però, si dimostrano a proprio agio a gestire il vantaggio e fissano il parziale di 12-8. Solombrino chiede time out per oleare le idee. Cesario sale subito in quota per fermare la Ginanneschi, Montenegro d’astuzia infierisce in banda e Lo Cascio sfodera un servizio tutto potenza che vale il 12-12. Spettacolo.

Le ragazze laziali restano concentrate e meno arrendevoli rispetto al primo set: Gori prende piede in attacco e con l’incisività della La Rocca riportano le compagne sul +4. Lo Cascio suona la sveglia e riporta le farfalle sul 18-20. La Ginanneschi, intanto, regala il punto del -1 e Mazzulla cogli l’occasione al volo per pareggiare i conti. Terracina non si arrende, resta in corsia di sorpasso e recupera il conto dei set. Nel terzo gioco la disputa resta combattuta, ma il Maglie decide di non perdere più tempo e si impone sul 9-5. Cumino, poi, si regala il secondo punto personale, Vincenti non lascia spazio a muro e Lo Cascio non si smentisce in potenza e precisione. 13-7 e Terracina sotto assedio. Il tecnico rossoblù sente il momento e sprona le sue a non mollare la presa.

Detto fatto. Lo Cascio continua a pressare in battuta, Cesario finalizza gli assist della Cumino e Vincenti vola in banda  per il 22-16. Le ragazze romane si affidano all’ Arnoldi e alla Carminati per non sciogliere le speranze. La Betitaly, però, spegne ogni velleità e con Cesario mette il lucchetto al terzo gioco. Cesario, al ritorno in campo, evidenzia le intenzioni magliesi e mura il primo attacco romano. La toscanaccia Lo Cascio, poi, sfodera il decimo punto al servizio e accompagna fino all‘ 8-4.

La formazione del Terracina accusa il colpo, perde di lucidità e scopre il fianco. Le farfalle ringraziano e punto dopo punto disegnano il successo: Mazzulla impressiona per potenza, Lo Cascio arricchisce il suo score al servizio e Cesario brilla di prepotenza a rete. Il resto è dettato dal punteggio: 25-16. Vittoria, conferme e applausi. Questo è lo stile Betitaly.

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Only registered users can comment.