Salento Flash

Il “Non abbiamo armi tour” di Ermal Meta conquista Lecce: una piazza Libertini gremita applaude al cantautore

 Breaking News
Il “Non abbiamo armi tour” di Ermal Meta conquista Lecce: una piazza Libertini gremita applaude al cantautore
agosto 06
10:26 2018

Il concerto di sabato sera, in piazza Libertini a Lecce, ha dato prova ancora una volta di come Ermal Meta sia di diritto uno dei grandi protagonisti della musica italiana. Con la sua poetica fatta di sensibilità e dolcezza mista a verità, ha incantato una platea gremita di fan delle età più diverse: dalle ragazzine munite di fascia alle famiglie con bambini alle coppie, il cantante albanese naturalizzato italiano piace proprio a tutti. Merito senza dubbio di canzoni che arrivano dritte al cuore, ma anche di una innegabile energia che sprigiona sul palco contagiando l’intera piazza.
Il suo “Non abbiamo armi tour” ha fatto tappa a Lecce con l’organizzazione del Luce Music Festival-Approdi Musicali, un progetto artistico itinerante, pensato e prodotto da Fanfara srl, Urem srl e Ulixes scs nel quale il richiamo del mare e la luce del faro sono il fil rouge artistico.

Cantautore di lungo corso, già apprezzato nel gruppo La Fame di Camilla, Ermal si è concentrato per molti anni nella sua carriera da autore scrivendo per i grandi artisti della scena musicale italiana tra cui Francesco Renga, Giusy Ferreri, Emma Marrone, Patty Pravo e molti altri, curando anche gli arrangiamenti per molti album. La svolta avviene nel 2014 quando scrive “Tutto si muove”,  canzone che fa parte della colonna sonora di “Braccialetti rossi”, fiction in onda su Raiuno che racconta la storia di un gruppo di ragazzi in ospedale. Dopo aver duettato con Niccolò Agliardi per “Volevo perdonarti, almeno”, incluso nella colonna sonora della seconda stagione di “Braccialetti rossi”, insieme con Gianni Pollex firma il singolo “Straordinario”, cantato da Chiara Galiazzo al “Festival di Sanremo” del 2015 e ripresentato nell’attuale tour nella sua versione originaria, che ha fatto saltare l’intera piazza sulle sedie.

Dopo aver scritto per Emma Marrone due canzoni di successo come “Arriverà l’amore” e “Occhi profondi”, il 27 novembre del 2015 Ermal Meta pubblica il singolo “Odio le favole“, con il quale partecipa a “Sanremo Giovani” e viene scelto per prendere parte al “Festival di Sanremo” dell’anno successivo tra le Nuove Proposte.
Nel febbraio del 2016 pubblica “Umano“, il suo primo album in studio realizzato da solista. Nel 2017 il cantautore partecipa al Festival di Sanremo con il brano di grande impatto e significato “Vietato morire” arrivando terzo ma nel 2018 ritorna al Festival in coppia con Fabrizio Moro con il brano “Non mi avete fatto niente”, che vince la manifestazione canora.

Questi ultimi due brani, assieme al featuring con Elisa “Piccola Anima”, sono i più acclamati dal pubblico che si è lasciato trasportare dolcemente dalle melodie del cantautore vivendo un momento di assoluta emozione quando sul palco è salito Antonello Venditti, che domenica è poi tornato sul palco di piazza Libertini per il suo concerto. Alla colonna portante della musica leggera italiana, Ermal Meta ha dedicato la canzone “Caro Antonello”, per poi intonare insieme la celebre “Che fantastica storia è la vita”.
Il concerto si è chiuso in un tripudio di applausi, con il cantante che ha più volte ringraziato la calorosa platea.
Le prossime date del Luce Music Festival saranno il 20 agosto a Trani con Francesco De Gregori e il 21 agosto, ancora a Trani, con Fabrizio Moro.
Per tutte le info: www.lucemusicfestival.it 

Foto: Sonia Zanchetta

 

Related Articles