Salento Flash

Melpignano, il sindaco offende e la minoranza abbandona l’aula

 Breaking News
Melpignano, il sindaco offende e la minoranza abbandona l’aula
aprile 15
12:18 2018
L’opposizione abbandona il Consiglio comunale per protestare contro l’atteggiamento arrogante e maleducato del sindaco del Comune più in vista del Salento. A innescare lo scontro l’approvazione del Bilancio di Previsione 2018 del 12 aprile scorso. “Non è una novità per Melpignano che i Consigli Comunali vengano strutturati dalla maggioranza in modo tale da non avere un confronto democratico, ma ancora più grave è il continuo tentativo del sindaco Stomeo di non entrare nel merito delle discussioni. Infatti durante l’adunanza abbiamo assistito ad una esagerata esaltazione di se stesso e dell’operato politico della sinistra melpignanese degli ultimi trenta anni. Una vera follia, in un Consiglio Comunale dove è necessario discutere in modo serio e approfondito del bilancio del Comune. Per questo motivo, noi consiglieri di minoranza, abbiamo sentito il dovere di riportare il dibattito in una dimensione reale e non utopistica, parlando di numeri, di cifre, di entrate ma, soprattutto, di spese. «Ogni volta mi portate numeri e spese….. non si amministra così!» è stata la risposta del nostro virtuoso primo cittadino. Ci siamo permessi di evidenziare come svendano il patrimonio immobiliare per pochi spiccioli e che il più delle volte questi nemmeno vengono incassati. «Vui doi nu valiti nienti e nu capiti nienti, siti doi ignoranti», ci siamo sentiti rispondere. Addirittura la nostra proposta di riduzione dell’aliquota Tasi è stata giudicata «indecente e di fantapolitica». Può un sindaco, primo cittadino di una comunità, rivolgersi in un pubblico consiglio comunale verso i consiglieri di minoranza con insulti da bar? Sì, a Melpignano si può! C’è un’intolleranza totale: ogni nostra osservazione critica viene presa come un atto di lesa maestà. Questa non è democrazia né rispetto!” – affermano i Consiglieri di minoranza Giuliana Coluccio e Luigi Montinaro. La presenza della diretta streaming che abbiamo chiesto da quasi un anno e che ancora attendiamo, forse, avrebbe portato il sindaco Ivan Stomeo ad avere un atteggiamento più adeguato al ruolo che riveste. Ma, probabilmente, è più conveniente per lui tenere al chiuso delle quattro mura dell’aula consiliare i suoi vergognosi atteggiamenti e le problematiche del nostro paese da loro create ed esternalizzate come pratiche virtuose.
Il Gruppo consiliare di minoranza Giuliana Coluccio Montinaro Luigi

Related Articles