Salento Flash

Paradontite: cure non invasive e durature presso lo Studio Calabrese Cappelli

 Breaking News
Paradontite: cure non invasive e durature presso lo Studio Calabrese Cappelli
marzo 15
10:51 2018

Quando si parla di denti la parola chiave è prevenzione. Di frequente, però, la salute della bocca viene trascurata andando incontro a problemi che, notati troppo tardi, possono davvero danneggiarci con conseguenze molto negative per i denti e anche per le tasche.
Uno dei problemi che molto spesso viene tralasciato o non diagnosticato correttamente è la paradontite, anche detta piorrea: si tratta di un’infiammazione e infezione molto fastidiosa del tessuto di supporto del dente che, qualora venga trascurata, può portare finanche alla perdita dei denti. In Italia è una patologia molto frequente che colpisce il 60% degli adulti e spesso anche soggetti molto più giovani.
Lo sviluppo di questa malattia è dovuta principalmente al fatto che la flora batterica presente nel cavo orale ha bisogno di essere mantenuta sotto controllo tramite corrette procedure di igiene (con una puntuale pulizia dei denti ma anche giornalmente con spazzolino e filo interdentale). Quando l’igiene scarseggia, possono verificarsi dei fenomeni infiammatori delle gengive, le cosiddette gengiviti. Se non curati per tempo, questi disturbi possono estendersi coinvolgendo i tessuti sottostanti, dando origine alla parodontite.
I sintomi più comuni di questo disturbo sono il sanguinamento gengivale, l’alitosi, i denti che si muovono, la sensibilità dentaria a caldo e a freddo, la comparsa di recissioni gengivali e la presenza di tasche superiori ai 4mm con sanguinamento o supporazione.
Quando si notano questi sintomi, dunque, è necessario effettuare subito una visita per approfondire e rimediare quanto prima al problema.

Dottoressa Claudia Calabrese, Medico Odontoiatra

Presso lo Studio Medico Odontoiatrico Calabrese Cappelli, sito a Brindisi, la paradontite viene curata con una tecnica innovativa, non invasiva ma duratura. Mentre l’intervento paradontale, che in alcuni casi estremi si rivela necessario, è molto doloroso e ha una lunga convalescenza, è possibile intervenire in maniera efficace e con grandi benefici per il lato estetico con una tecnica non chirurgica e minimamente invasiva, vale a dire con un laser ad alta potenza e l’utilizzo del microscopio operatorio. Mediante il laser si possono eliminare i batteri che causano la paradontite. In questo modo, evitando interventi e anestesia, è possibile evitare l’estrazione dei denti e salvarli.
Fondamentale per curare la paradontite è la diagnosi: quindi il paziente deve prevenire il peggioramento della condizione dei denti e correre dal dentista non appena accusa i primi sintomi come un dente che si muove o il sanguinamento gengivale. In seguito alle terapie laser, la dottoressa Claudia Calabrese seguirà il decorso con opportune visite e consigliando opportuna terapia domiciliare. Con il laser, ben presto i problemi di alitosi e mobilità dentaria saranno solo uno spiacevole ricordo.

Per approfondire o prenotare una visita, basta contattare lo Studio Calabrese Cappelli, in Via Ponte Ferroviario, 27/a
Brindisi, nei seguenti modi:

Tel. 347.9726113 – 0831.526633
studiomedicoodontoiatricocalab@gmail.com

 

Related Articles