Salento Flash

Bilancio di previsione, Salvemini: “Il Bilancio di previsione è l’atto politico fondamentale di un ente”

 Breaking News
Bilancio di previsione, Salvemini: “Il Bilancio di previsione è l’atto politico fondamentale di un ente”
marzo 08
10:04 2018

Di seguito le dichiarazioni del sindaco di Lecce Carlo Salvemini rilasciate nella giornata di ieri nella conferenza stampa di presentazione alla città del bilancio di previsione:

Il Bilancio di previsione è l’atto politico fondamentale di un ente: è la traduzione in numeri – entrate e spese – delle linee strategiche di mandato con riferimento al prossimo triennio. Per questa ragione la sua mancata approvazione in aula determina lo scioglimento del Consiglio comunale: non avere la fiducia su questo provvedimento è considerato una condizione di non governabilità permanente.

Siamo quindi alla vigilia – come più volte detto – della verifica definitiva sulla possibilità di siglare pubblicamente, in aula, davanti alla città un Patto di governo per Lecce sino al 2022 dopo la sentenza del Consiglio di Stato: chi vuole farlo ha la possibilità di votare il bilancio – eventualmente emendato su proposte integrative e migliorative –  perché si riconosce nel suo impianto complessivo. In questo caso questa amministrazione avrà i numeri per proseguire nella sua azione per effetto di un accordo validato dentro il Consiglio Comunale, la massime assiste cittadina. Se invece i voti contrari dovessero essere maggioritari – o se il bilancio venisse approvato con il solo sostegno  dei consiglieri eletti nelle liste Salvemini-Delli Noci – finiremmo qui: per scioglimento automatico o per le mie dimissioni.

 

Attendiamo l’insediamento della Commissione consiliare Bilancio per avviare il percorso di presentazione del Bilancio di Previsione in Consiglio Comunale, entro la fine del mese di marzo. Intanto sento l’esigenza di presentarlo ai cittadini, coerente ad un impegno di trasparenza e responsabilità che abbiamo assunto con loro e nel rispetto dei principi di pubblicità, veridicità e attendibilità previsti dalla legge.

 

Finora questa amministrazione non ha voluto nascondersi dietro eredità ricevute: ha lavorato sul presente per programmare il futuro senza voler volgere lo sguardo al passato. Si è impegnata ad assolvere alla responsabilità di governo cui è stata chiamata dai cittadini, consapevole sin dall’inizio delle difficoltà che avrebbe incontrato. Perché a chi ci chiede impegno per garantire servizi, migliorare lo spazio pubblico, innalzare la qualità della vita, importa poco il passato.


Oggi però siamo costretti – nell’illustrare il bilancio di previsione 2018/2020 – a precisare le condizioni economico finanziare dell’ente per come le abbiamo ricevute. Perché queste condizioni sono state decisive nell’impostazione complessiva della manovra, che ha dovuto misurarsi su spazi ristrettissimi che non ci hanno consentito l’opportunità di esprimere pienamente discrezionalità politica e libertà di scelta. Una precisazione è d’obbligo: tutti i dati che descrivono lo stato di fatto – esito di un ciclo di governo lungo dispiegatosi in oltre 20 anni – sono oggettivi e non contestabili. Sono verificabili perché contenuti e richiamati in atti ufficiali del Comune e degli organi di controllo interni (Collegio dei revisori) ed esterni (sezione controllo Corte dei Conti Puglia)
”.

In conferenza il sindaco ha anche presentato ai cittadini schede sintetiche utili a comprendere la situazione delle finanze comunali al momento dell’insediamento dell’amministrazione e le scelte politiche ed economiche compiute con il bilancio di previsione.

Related Articles