Salento Flash

Chiude con il 20% di presenze in più la quinta stagione de LA TERRAZZA “TUTTI AL MARE! a San Foca di Melendugno

 Breaking News
Chiude con il 20% di presenze in più la quinta stagione de   LA TERRAZZA “TUTTI AL MARE!   a San Foca di Melendugno
settembre 18
14:33 2019

Chiude con il 20% di presenze in più la V stagione de La Terrazza “Tutti al mare!”, il primo accesso attrezzato al mare per persone affette da SLA, patologie neuromotorie e altre gravi disabilità motorie realizzato su un tratto di spiaggia libera della marina di San Foca di Melendugno (Le) dall’associazione salentina 2HE nell’ambito del progetto solidale nazionale IO POSSO. 

Sostenuta da Città di Melendugno, Polizia di Stato, ASL LECCE, UBI Banca e AISLA con il supporto del Comune di San Cesario, VIVISOL, Tensomax e associazione conSlancio, nasce quattro anni fa da un’idea del quarantatreenne salentino Gaetano Fuso, poliziotto in quiescenza, malato di SLA dal 2014, nominato “Cavaliere della Repubblica” dal Presidente Mattarella. Solo fino ad un anno fa la Terrazza ha rappresentato un unicum, almeno su territorio nazionale. Oggi è un format preso come riferimento e replicato in altre parti d’Italia.

I NUMERI DELLA V STAGIONE de LA TERRAZZA “TUTTI AL MARE!”

La struttura, aperta ogni anno per tre mesi, dal 15 di giugno, quest’estate ha accolto 310 ospiti, con un incremento del +4% rispetto allo scorso anno (erano stati 299). Il 55% degli ospiti proviene da fuori Salento. A parte la Puglia, le regioni più presenti sono la Lombardia (29 ospiti), il Lazio (28 ospiti) e la Campania (25 ospiti). Presenti anche 8 persone dall’estero (3%).

Gli ospiti, tutti con disabilità motorie, presentano una grande diversificazione anagrafica e sanitaria. La malattia più presente è la Sclerosi Multipla (23 ospiti, 7,4%) seguita dalla SLA (17 ospiti, pari al 5,5%). Seguono Distrofia Muscolare (15 ospiti, 4,8%), SMA, Duchenne (9 ospiti ciascuna, pari al 3%).

Dal 2015 ad oggi complessivamente sono 618 gli ospiti giunti in Terrazza. Nel 2019, gli ospiti nuovi sono stati 165 (pari al 53,2%).

In questa quinta stagione si sono registrate 2072 presenze (numero complessivo di ingressi degli ospiti durante la stagione): +20% rispetto al 2018 quando erano stati 1728. Questo dato, messo insieme all’incremento del 4% degli ospiti (più contenuto), porta a concludere che il trend del 2019 è stato quello di fare vacanze più lunghe rispetto al 2018.

Con 93 giorni di apertura al pubblico non stop (dal 15 giugno al 15 settembre – dalle 9.00 alle 19.00), nel 2019 ogni giorno la Terrazza ha accolto una media di 22 persone (la media del 2018 era 18 persone) con picchi di presenze da record nell’alta stagione (46 ospiti registrati mercoledì 7 agosto 2019, ad oggi record assoluto).

Struttura, servizi, personale TERRAZZA

Il recente ammodernamento della struttura ha portato a 13 le postazioni presenti (10 standard, 3 riservate ad ospiti con tetraplegie e in ventilazione assistita da macchinari), oltre le quali non sarà possibile andare, avendo saturato tutto lo spazio a disposizione sulla spiaggia dedicata al progetto.

La struttura dispone di 12 ausili per l’ingresso in acqua di 5 tipologie differenti, adatti a conformazioni fisiche diverse.

Durante il 2019 hanno prestato servizio in Terrazza 4 coordinatori, 3 infermieri, 4 OSS, 17 bagnini e 20 volontari, per un totale di 48 persone.

Grazie ad un protocollo d’intesa con la Polizia di Stato, sono gli atleti delle Fiamme Oro Salvamento e gli agenti della Squadra Nautica della Questura di Lecce a svolgere servizio di assistenza bagnanti per garantire la completa sicurezza degli ospiti. In questa stagione hanno effettuato anche due interventi di salvataggio in situazioni critiche.

Dei 20 volontari in servizio, metà ha svolto un servizio continuo per tutta l’estate, gli altri in maniera più occasionale. Il totale delle ore di servizio volontario per tutta la stagione ammonta a 977 ore.

L’impatto turistico sul territorio de la TERRAZZA

“Escludendo le persone che risiedono nel Salento, dai nostri registri risulta che gli ospiti della Terrazza in questa stagione hanno effettuato almeno 1208 pernottamenti a San Foca e dintorni in strutture ricettive di ogni tipo (dalla casa privata al B&B all’hotel) – dice Giorgia Rollo, presidente di 2HE. Tenendo conto che ogni ospite è accompagnato da almeno due familiari/assistenti (media del nucleo familiare: 3,5 persone) e stimando una media di spesa giornaliera di € 120,00 pro capite, sempre secondo quanto rilevato dalle esperienze raccolte tra i nostri ospiti, possiamo quantificare l’impatto economico (minimo) sul territorio generato dalla Terrazza in € 507.360,00.

Infine, mi piace ribadire che l’ingresso e la fruizione della nostra struttura sono totalmente gratuiti. I nostri ospiti devono solo prenotare per tempo. Le richieste cominciano ad arrivare fin da gennaio.

La Terrazza ha un costo di gestione annuale importante, di circa 70.000 euro, che riusciamo a coprire grazie al sostegno di partner, pubblici e privati, e alla grande rete di solidarietà che ci da forza ogni giorno. Per la stagione 2019 però si sono superati i 130mila euro, vista la spesa straordinaria di 75mila euro resasi necessaria per l’indispensabile riammodernamento della struttura, coperta per quasi il 90% della nostra associazione, che continua ad appellarsi alla collaborazione con istituzioni, associazioni e partner privati, per il buon futuro de La Terrazza. Nel complesso è l’attività annuale di promozione e raccolta fondi IO POSSO che continua a permettere la puntuale apertura della struttura”.

Related Articles