Salento Flash

Il 21 marzo Claudio Prima in “Visita d’Artista” alla Casa per la Vita Artemide

 Breaking News
Il 21 marzo Claudio Prima in “Visita d’Artista” alla Casa per la Vita Artemide
marzo 19
11:39 2019

Il 21 marzo arriva la primavera, e quando arriva la primavera vuol dire che per gli ospiti della Casa per la Vita “Artemide” di Racale è tempo di Visite d’artista. Quattro, per l’esattezza. E sarà una primavera speciale, come lo è qualsiasi incontro umano in grado di suscitare emozioni positive.
Infatti, “alla terapia farmacologica che è ovviamente necessaria – sostiene il sociologo Walter Spennato, ideatore del progetto e coordinatore della struttura – ci piace affiancare la “terapia emotiva”, fatta di musica, musicisti e cantanti, e soprattutto di dialogo, una terapia dunque senza effetti collaterali”.
La prima Visita d’artista , di questo nuovo ciclo di incontri, si terrà proprio giovedì 21 marzo, alle ore 16.00: ospite della struttura residenziale sarà il musicista Claudio Prima, leader e ideatore di numerosi progetti di indagine sulle “musiche di confine” fra i quali BandAdriatica, Adria, Tabulè, Tukrè, Manigold, Progetto Se.Me., Orchestra Senza Confini-La Repetitiòn, Orchestra Popolare di Puglia.
Claudio Prima organettista, cantante, compositore e autore di colonne sonore si esibisce in festival e rassegne internazionali. Nel 2008 è ideatore e promotore per la BandAdriatica del progetto “Rotta per Otranto”, esperimento di viaggio e ricerca delle musiche d’Adriatico che diventa un film documentario e un cd dal titolo “Maremoto”.
Dal 2010 è solista dell’opera contemporanea Oceanic Verses di Paola Prestini, con cui si esibisce al Barbican Centre di Londra, al Pace Shimmel di New York e al Kennedy Center di Washington DC.
Dal 2011 è ideatore e direttore della “Giovane Orchestra del Salento” un ensemble di 45 giovani musicisti salentini con cui pubblica un film documentario intitolato “Il volo” e un cd dal titolo “Essere terra”. Dal 2012 al 2014 è assistente musicale della Notte della Taranta prima con Goran Bregovic e poi con Giovanni Sollima. Ha un’intensa attività discografica e ad oggi conta più di 80 presenze in pubblicazioni discografiche italiane ed internazionali.

I prossimi appuntamenti di questo ciclo primaverile di Visite d’artista sono: il 4 aprile con il gruppo salentino Après La Classe; il 18 aprile con la cantante Irene Lungo (Opa Cupa); chiuderà il 9 maggio il ciclo primaverile delle Visite d’artista il contrabbassista Marco Bardoscia, fresco del suo nuovo album “Tempo di Chet” con Paolo Fresu e Dino Rubino.
Al fine di sensibilizzare e coinvolgere chi intende avvicinarsi alle tematiche dell’inclusione sociale e del disagio mentale è possibile prenotarsi per assistere ad una “Visita d’artista” chiamando in struttura: l’evento è aperto a 10 persone.

Related Articles