Salento Flash

Neretini dal cuore d’oro: nel 2018 adottati 40 cani

 Breaking News
Neretini dal cuore d’oro: nel 2018 adottati 40 cani
gennaio 16
11:42 2019

Nell’anno 2018 sono stati 40 i cani adottati dalle famiglie neretine (e non solo) e sottratti dunque alla triste vita del canile. Un dato che dimostra la bontà delle iniziative messe a punto dall’amministrazione comunale per contrastare il randagismo e gestire la popolazione di cani (poco più di 200) di proprietà del Comune di Nardò ricoverati in tre strutture della provincia (Casarano, Corigliano e Melissano).

Decisiva in questo senso anche l’adozione del Regolamento con cui l’amministrazione comunale ha voluto disciplinare la possibilità che i cittadini adottino appunto un cane, riducendo il sovraffollamento dei canili e i relativi costi a carico dell’ente (circa 2 euro al giorno per cane), migliorando sensibilmente il benessere degli animali che finiscono in famiglie consapevoli e responsabili, limitando i costi del randagismo a carico della collettività. I cani adottabili sono quelli ritrovati sul territorio comunale e ricoverati in questi canili, che hanno completato tutti i controlli sanitari e i trattamenti previsti dalla normativa regionale (comprese sterilizzazione e castrazione). Al fine di favorire le adozioni, com’è noto, il Regolamento prevede che il Comune assicuri un rimborso per le spese veterinarie e l’acquisto di cibo (debitamente documentate con ricevute fiscali intestate all’adottante) nella misura massima di 500 euro per il solo primo anno. Il Regolamento prevede anche la possibilità dell’adozione-sostegno a distanza. La scelta del cane da adottare può essere fatta anche attraverso www.nardog.it, la piattaforma web che “ospita” i cani del Comune di Nardò ricoverati nei tre canili e in attesa di una nuova “casa”.

Un altro “bilancio” su questo fronte arriva dalle Guardie Zoofile Agriambiente di Nardò, che nel corso del 2018 hanno elevato 99 sanzioni amministrative per un totale di 6627 euro a carico di cittadini che hanno commesso varie irregolarità nella gestione dei cani: incauta custodia, omessa dichiarazione all’anagrafe canina, omessa raccolta delle deiezioni, non possesso dell’attrezzatura per la raccolta delle deiezioni, cani di proprietà vaganti sul territorio comunale.

Related Articles